Kobo vs Kindle, la sfida si rinnova

kobo vs kindle ereader
Visto il grande successo dell’articolo sui consigli su quale Kobo o Kindle acquistare, merita fare un aggiornamento sugli e-reader attualmente sul mercato.

koboPartiamo dai Rakuten Kobo. Attualmente ci sono quattro versioni da tenere in considerazione e che vengono pubblicizzate attraverso il sito ufficiale. Sono le versioni che sicuramente si possono trovare in vendita, ma questo non vuol dire che in giro non si possa trovare qualche modello della vecchia generazione e comunque performante.

La scelta dalla Rakuten sembra ovvia e spinta verso l’offrire un prodotto di qualità ma a prezzi non proprio bassi. Il Kobo Aura II edition, quello più economico, viene ben 119,99 euro.

Come è normale, più paghi più ottieni. Bisogna però valutare i propri bisogni: il Kobo Forma è un oggetto bellissimo, nella sua versione top ha ben 32 GB di memoria ma costa anche 329,99 euro. Un prezzo, per quanto mi riguarda, davvero troppo alto per un e-reader (oggetto che può essere usato tanto ma anche esposto a un uso frequente e in luoghi affollati e quindi a rischio di danneggiamento o perdita/furto).

Il Kobo Forma è anche il più grande (non il più peso, per qualche grammo è più leggero dell’Aura H2O). Per il resto c’è poco da dire, è il top ed è al top: resiste fino a 60 minuti in 2 metri d’acqua e ha una risoluzione di 300 ppi. La domanda è: quante volte vi capiterà di leggere sotto due metri d’acqua? Tutta quella risoluzione vi è necessaria per leggere o potete farne a meno risparmiando un bel po’ di soldi?

La vera innovazione del Kobo Forma è, neanche a dirlo, la forma. Rivoluzionaria sicuramente ma alla quale dobbiamo forse abituarci.

Il Kobo Aura H2O ha le stesse caratteristiche di resistenza sotto l’acqua del Kobo Forma e vanta una memoria da 8 GB. Costa quasi 180 euro, non pochissimi soldi. Esteticamente ha una forma alla quale siamo più abituati, molto regolare. Pesa poco più di due etti e la risoluzione è di 265 ppi. Un ottimo prodotto sicuramente, ma a un prezzo molto caro, dove si paga soprattutto l’impermeabilizzazione. Vale lo stesso discorso fatto poco sopra, quanto vi servirà avere un oggetto che resiste un’ora sotto due metri d’acqua? Se leggete in metropolitana o a letto non è sicuramente un acquisto utile…

I prodotti più economici sono tali soprattutto per l’assenza dell’impermeabilizzazione ma offrono qualità più che buone: più o meno lo stesso peso per il Clara HD e l’Aura II ed., così come più o meno identiche dimensioni. La differenza si trova nella risoluzione: il Clara HD è a 300 ppi, il top, superiore anche al più costoso Aura H2O.

Questi due ultimi e più economici prodotti penso siano la soluzione ideale per la maggior parte dei lettori. E-reader performanti e comodi, con caratteristiche di tutto rispetto.

Non ho parlato molto dello spazio di archiviazione per questi dispositivi per un semplice motivo: anche i prodotti meno costosi hanno 4 GB di memoria (circa 3000 e-book), uno spazio che può bastare a tutti i lettori per diversi anni.

Ecco la pagina dove trovare tutti i Kobo ed eventuali accessori su Amazon

-> KOBO SU AMAZON <-

Ma vediamo una tabella riepilogativa dei prodotti targati Kobo:

 Kobo Aura II ed.Kobo Clara HDKobo Aura H2O II ed.
Kobo Forma
Prezzo€ 119,99€ 129,99€ 179,99€ 279,99
Peso180 g166 g
207 g
197 g
Dimensioni159 x 113 x 8.5 mm
159,6 x 110 x 8,35 mm
129 x 172 x 8,8 mm
160 x 177.7 x 8.5 (spessore nell’area di tenuta) e 4.2 (spessore nella parte più sottile)
Schermo e Risoluzione6", 212 ppi6", 300 ppi 6,8", 265 ppi8", 300 ppi
Link Amazonhttps://amzn.to/2USGVB0https://amzn.to/2JyylGz
https://amzn.to/2U6jLtVhttps://amzn.to/2WjLhRU

kindle oasisLe alternative più famose ai prodotti Rakuten Kobo sono gli Amazon Kindle. Esistono anche altri prodotti più di nicchia, per adesso fermiamoci ai due colossi del settore.

Anche Amazon fa un’offerta diversificata di prodotti. Punta con il Nuovo Kindle a offrire un prodotto low cost da 79,99 euro, passando dal medio Paperwhite a € 129,99 fino ad arrivare all’Oasis che costa  € 249,99 (ben 279,99 la versione a 32 GB).

[Dobbiamo ricordare che i Kindle non leggono gli EPub, formato di distribuzione di ebook piuttosto diffuso. È comunque possibile fare una conversione da EPub in formati che sono “digeriti” dai prodotti Kindle]

Il Nuovo Kindle è un e-reader base, secondo me ottimo per la maggior parte dei lettori. 4 GB di memoria sono, come già detto, più che sufficienti, casomai la risoluzione è ormai un po’ scarsa (167 ppi). Ovviamente non è resistente all’acqua.

Proprio la resistenza all’acqua sembra essere una delle discriminanti su cui puntano le case produttrici di e-reader per i loro nuovi prodotti, come se tutti noi passassimo gran parte del tempo a leggere mentre facciamo il bagno ai Caraibi.

Ad ogni modo, il Paperwhite e l’Oasis sono ottimi strumenti resistenti all’acqua secondo gli standard IPX8. La risoluzione è per entrambi a 300 ppi e il peso è simile. La differenza maggiore si trova nella forma: il Paperwhite è più simile ai canonici e-reader rettangolari, l’Oasis è simile al Kobo Forma. L’Oasis fornisce anche molti più sensori e maggiori led di illuminazione, l’impugnatura più ergonomica ospita anche i tasti per voltare pagina.

Esistono anche e-reader di altre marche ma per adesso fermiamoci ai due produttori più noti che si contendono gran parte del mercato.

Dalla testa ai piedi di Eric Carle

dalla-testa-ai-piedi

Libro incentrato sulla conoscenza del sé corporeo che chiede al bambino di riprodurre semplici azioni e posizioni corrispondenti a quelle illustrate, servendosi di animali disegnati con colori brillanti ed in bizzarre posture.

 

Piccola bibliografia a tema calcistico

libri-calcio
Piccola bibliografia a tema calcistico.

Il filo conduttore è il calcio, uno degli sport più amati. Il calcio, con le sue tante storie, può rappresentare un buon modo per attrarre nuovi lettori, soprattutto fra gli adolescenti.

Questa bibliografia rappresenta soltanto una piccola raccolta piuttosto varia di opere che parlano di calcio.

Sono allergico ai draghi! di Simone Frasca

frasca draghi

La curiosa storia del piccolo Michele, allergico ai draghi, ci introduce nel regno di Dragonia e racconta di come la civiltà, con i suoi orti, gli animali da cortile e quelli da pascolo, sia nata proprio per trovare un rimedio all’allergia del bambino. Finale a sorpresa.

 

Il piccolo bruco Maisazio di Eric Carle

bruco mai sazio

La storia di come un piccolo bruco, da crisalide diventa farfalla. Il libro, molto curato nella grafica e nell’uso dei colori, favorisce L’interazione fra il bambino e la storia in quanto vengono presentati i diversi cibi divorati dal bruco nei vari giorni della settimana: in questo modo il bambino impara i giorni ed a contare i diversi cibi consumati, proposti in ordine crescente. Molto bella l’illustrazione finale con la farfalla dalle ali spiegate.

Ma le principesse fanno le puzzette? di Ilan Brenman e Zilberman

prinicpesse puzzette

Storia divertente e dolce di una bimba che chiede al padre di raccontarle la verità sulle principesse. Dissacrante e simpatico emerge, quindi, il racconto di una Biancaneve puzzona e di una Cenerentola affetta da meteorismo. Contro ogni stereotipo che vuole ogni piccola principessa composta e perfettina. Racconto “rock” per bimbe contemporanee.

Sezione giochi in biblioteca? Ecco qualche link utile

giochi

Come molti avranno capito, chi scrive è un convinto sostenitore dell’utilità di una sezione giochi all’interno di una biblioteca. Pur sostenendo i giochi in biblioteca e pur amando molto i giochi per regolamenti, materiali e colori, non sono mai stato un assiduo giocatore.

Quindi, di fronte alla necessità di valutare e acquistare dei giochi, come ci si comporta? Gli approcci possono essere diversi…intanto qualche consiglio sui siti di gruppi e/o persone che recensiscono e valutano i giochi. Principalmente giochi di ruolo e giochi da tavolo, per i videogiochi il discorso è diverso e si trovano decine e decine di siti che li recensiscono.

Molto utili i video dei vlogger che mostrano il gameplay: fate conto che 4 o 5 pagine di regolamento ve le sintetizzano in 5 o 10 minuti di video.

Partiamo da La Tana dei Goblin (www.goblins.net), community italiana di giochi da tavolo, di carte e di ruolo. Si tratta sicuramente di una delle realtà più grandi e impegnate, con sezioni disseminate su tutto il territorio. Sul sito è possibile trovare recensioni, ultime uscite, gameplay e molto altro. Per la complessità del sito e l’attività della community si rivolge forse a chi ha già un po’ di dimestichezza con i games…
Ottima la sezione download dove è possibile scaricare regolamenti e carte varie. Un modo per incrementare la propria sezione giochi, c’è davvero molto materiale e bisogna perderci un po’ di tempo.
Interessante anche la sezione mercatino dell’usato (forse poco utile per chi lavora in biblioteca).

Altra comunità, stavolta internazionale, che si rivolge a chi già conosce un po’ la realtà dei giochi, è BoardGameGeek  (www.boardgamegeek.com). Qui c’è tutto, basta masticare l’inglese. Regolamenti, recensioni, gameplay, aggiunte da scaricare, video…qualunque cosa stiate cercando la potete trovare qua dentro!

Passiamo a Gioconauta (www.gioconauta.it), portale scoperto da poco dove si possono trovare informazioni interessanti. C’è anche un canale video che offre spunti su giochi, gameplay, partite complete e si rivolge anche al mondo del gioco con modellini (con la spiegazione di alcune tecniche di pittura).
Il sito sembra abbastanza aggiornato, i primi articoli risalgono a qualche anno fa ma le recensioni sono ben fatte e complete e quindi utilissime ancora oggi.

Tornando a qualcosa per chi parla l’inglese, abbiamo Pair of dice paradise (www.pairofdiceparadise.com). Anche il nome ha un suono bellissimo. Sito che offre recensioni e classifiche, in uno stile tutto suo. Degna di nota la pagina Game Reviews: una tabella con i “voti” ad ogni caratteristica di un determinato gioco. Molto immediata per comprendere punti di forza e debolezze di un gioco da tavolo.
Gli articoli sembrano essere aggiornati con costanza e le classifiche dei top games dell’anno o cose simili rappresentano uno strumento molto utile.

Giochidatavola.com (www.giochidatavola.com) si presenta con il motto: “Non solo giochi da tavolo”. In realtà si parte proprio dei giochi da tavolo e poi vengono presentate anche altre sezioni (più relative ai giochi e giocatoli in generale). La forza di questo portale è di dividere i giochi per fasce di età. Il sito forse non è più aggiornatissimo ma tratta di alcuni giochi che ormai sono dei classici e quindi può offrire informazioni utili.

Tra le pagine Facebook e vlogger troviamo Al4oPiù (canale Youtube e Pagina Facebook). Sono molto simpatici e i video spiegano bene i giochi…un modo per apprendere dinamiche e regole di gioco divertendosi. Canale Youtube molto aggiornato…talmente tanto aggiornato che ultimamente si sono rallentati: da 3 video a settimana passano a 2. L’archivio è molto ampio e si possono trovare davvero tanti video interessanti.

Tra i blogger più gettonati c’è Miss Meeple. Veramente molto brava, riesce a spiegare in video di una manciata di minuti i regolamenti di giochi molto complessi. Ha un sito (www.missmeeple.it) che riordina anche tutti i video su Youtube, quindi merita passare direttamente da lì per farsi un’idea del personaggio. È attiva da marzo 2016 ma da quando è partita non si è più fermata!

Si conclude questa sessione di consigli con un ultimo vlogger: Recensioni Minute. Lo dice fin dall’inizio, realizza video brevi dove indica i materiali e le basi di gioco. “Se vuoi saperne di più, i miei colleghi sono lì apposta! Se il gioco non ti ispira… clicca su un altro link. Prima o poi uno lo becchi!”. Più chiaro di così! Uno strumento utile e immediato per farsi una prima idea. I video sono brevi ma fatti bene.

Per il momento è tutto! Spero di avervi dato consigli utili! 😉

Regali da…bibliotecari

Ci avviciniamo a Natale, tempo di regali. Quale potrebbe essere un regalo adatto a un bibliotecario?  E a uno scrittore? Qualche idea per fare dei regali a un amico bibliotecario…ma non solo. E se siete già del mestiere, qualche idea per farvi un regalo da soli.

Un po’ di idee sparse…

AGENDE:

Si parte con la classica Moleskine: 12 o 18 mesi, in vari colori o nella versione Harry Potter. Classica, semplice, immediata. Sicuramente utile anche per chi in biblioteca ci va a studiare


Qualcosa di più particolare e decisamente meno minimale: 

E infine agende/diari e portadocumenti, per chi ha davvero tante cose da tenere sotto controllo:

OGGETTISTICA:

Ormai anche i bibliotecari passano gran parte del tempo davanti a un monitor, un bel tappetino per il mouse potrebbe essere il giusto regalo:


Se vogliamo spendere un po’ di più ci sono in giro bellissime lampade da tavolo vintage che richiamano quelle che siamo abituati a vedere nelle vecchie biblioteche. Altrimenti si può rimanere sul moderno:

E ancora tazze, segnalibri e cuscini…non per dormire ma per sostenere i libri da leggere!

 

 

Io non ho paura. Di Dan Crisp e Lee Wildish

io-non-ho-paura

Storia divertente di un gatto che non ha paura di nessuna delle creature che popolano l’immaginario infantile. La grafica è particolarmente curata ed accattivante ed i testi, sebbene semplici, sono particolarmente intuitivi ed aiutano i bambini ad “esorcizzare” le proprie paure.

Lupo Luca aveva i denti di Elisa Mazzoli

Simpatico storiella volta ad insegnare ai bambini a prendersi cura dell’igiene orale: lupo Luca, personaggio vorace e golosissimo, invece di seguire le norme indicate dalla nutria dentista, mangia di tutto senza usare dentifricio e spazzolino. Molto divertente il finale.

 

1 2 3 4